Altro

FotoGallery
Gueskbook
Contatti


IN EVIDENZA



Vivi la Riserva

[PROGRAMMA]

Alla scoperta del Bosco

[PROGRAMMA]

Dal Passato al Presente

[PROGRAMMA]

La Quisquina tra Ambiente e Tecnologia

[PROGRAMMA]



Link Utili











Radio Santo Stefano





Statistiche




Benvenuto

Nome di Login:

Password:




Ricordami

[ ]
[ ]
[ ]


Credits

Realizzazione tema:
MZeta

Contenuti:
Marta Moscato
&
Giuseppe Adamo

Contenuti in inglese:
Marilena Urso


Newsletter

Vuoi rimanere sempre aggiornato sui fatti dell'Eremo di Santa Rosalia alla Quisquina?


Iscriviti alla nostra NEWSLETTER
[clicca qui]


Guestbook

Vuoi lasciarci la tua opinione o un saluto?



Firma il nostro GUESTBOOK
[clicca qui]


W3C Compliance

Valid XHTML 1.1!
Valid CSS!



 

Cenni Storici

Luoghi da visitare

Fuori paese

Eventi

Come arrivare

Numeri utili

Luoghi da visitare (Sights)




[chiesa madre]


A pianta basilicale con tre navate, la settecentesca Chiesa Madre conserva opere dei pittori Manno e di F. Panepinto, oltre al busto-reliquiario argenteo di scuola palermitana con reliquie di S. Rosalia ed al fonte battesimale marmoreo in cui fu battezzato nel 1598 San Giordano Ansalone (frate domenicano, filosofo e teologo, per diffondere la religione cristiana fu missionario in Giappone; arrestato e martirizzato spirò a Nagasaki il 17 novembre 1634, e fu santificato nel 1987 da Giovanni Paolo II).

L’adiacente chiesetta di S. Francesco di Sales, meglio conosciuta come l’Oratorio delle cinque piaghe, è fra le più antiche chiese del paese (edificata nel 1580); all’interno tele dei Manno e pregevoli stucchi.

The eighteenth-century Mother Church, with a basilican plant, a nave and two side aisles preserves paintings of Manno and F. Panepinto, the silvery – reliquary bust of S.Rosalie of palermitan school and even the marble christening font of 1500 where S. Giordano Ansalone was baptized in 1598 (dominican Friar, philosopher and theologian who went in Japan as a missionary of Christian religion; arrested and tortured, he died in Nagasaki in November 17th 1634; he was proclaimed Saint by Giovanni Paolo II in 1981)

Next to the Mother church, the little St. Francesco of Sales Church, best known as Oratory of The Five Sores, is one of the oldest religious buildings of the town (it was built in 1580), with Manno paintings and excellent stuccoes.




[chiesa del carmine]


Di recente ricostruzione, la Chiesa del Carmine conserva della seicentesca struttura solo il campanile. All’interno vi sono importanti tele di Federico Panepinto.

Recently rebuilt, the Church of Carmine preserves today the seventeenth-century bell-tower. The interior of the building is made precious with paintings of F. Panepinto.




[chiesa del purgatorio]


Fondata nel 1708, la Chiesa di S. Antonio Abate, nota come Chiesa del Purgatorio, presenta un’ unica navata ed é impreziosita da opere cinquecentesche e seicentesche.
Settecentesco è ancora l’adiacente Collegio di Maria, piccolo museo di tele e sculture di chiese non più esistenti.

Built in 1708, the Church of St. Antonio Abate, known as Church of Purgatory, has only a nave and it is embellished with sixteenth- and seventeenth-century works.
Next to the church, the College of Maria is a small museum with paintings and sculptures belonging to the ancient and lost churches of the town.





[piazza castello]




[piazza maddalena]


Particolare attenzione meritano le piazze principali del paese: Piazza Castello, dove fanno da scenografia il palazzo Baronale dei Ventimiglia e la settecentesca fontana a quattro vasche; Piazza Belmonte, recentemente restaurata, la centralissima Piazza della Vittoria e ancora Piazza della Maddalena dominata dalla statua di Lorenzo Panepinto (educatore, giornalista ed organizzatore di leghe contadine e di cooperative agricole, ucciso nel 1911 dalla mafia locale dei gabelloti), opera di G. Baragli.

Interesting squares in the town are: Piazza Castello with the Baronial palace of the Ventimiglia family and the eighteenth-century fountain with four basins; Piazza Belmonte, recently restored; the very central Piazza della Vittoria and then Piazza della Maddalena with the Statue of Lorenzo Panepinto (educator, journalist and leader of farmers’ associations, he was killed by the local Mafia in 1911), carved by G.Baragli.



[fontana del carmine]


Ricco di acqua e di sorgenti, il paese è disseminato di fresche fontanelle nonché di antichi abbeveratoi, come quello del Carmine, una volta collocato nella piazza principale del paese, e quello della Prisa nei pressi dell’omonima sorgente.

Rich in water and sources, the town is full of drinking fountains and old drinking troughs, such as the Carmine one, once situated in the central square of the village, and the Prisa one near the source with the same name.




[villa comunale]


A pochi passi dal centro storico sorge la Villa Comunale che, nata agli inizi del ‘900, è oggi impreziosita da specie arboree e botaniche nonché da un armonioso “viale dei tigli” e da luoghi di sosta salubri e tranquilli provvisti di un’area attrezzata per far giocare i bambini.

The Villa comunale (a municipal Park) stands only a short way of the historical centre; born at the beginning of the 20th century, today it is embellished with botanical species, a suggestive “avenue of linden” and wholesome places with a small funfair for children.


Poco fuori dal centro abitato si estende il nuovo Parco Urbano maestoso custode di uno splendido e suggestivo anfiteatro.

Almost outside the town the new Public Park stands as a stately guardian of a wonderful and suggestive amphitheatre.

Amici dell'Eremo


Render time:0.0527sec0.0140di queries.queries DB23.